Frases

Mùsica Brasileira 2

Riflessioni, racconti, canzoni, incoerenze, storie e qualche falsità

In questi capitoli cerco di abbracciare la vastità del mondo musicale brasiliano. Ho deciso di non seguire una linea temporale, ma di saltare a piacimento tra il classico e il profano, l’erudito e il popolare. In fondo, la musica è il linguaggio più antico, al di là del tempo e dei generi, dei gusti e delle mode, è il vero linguaggio degli uomini.

Spero davvero di riuscire trasmettere tutta la bellezza di questo Paese e di questa gente che da tanti anni mi abbraccia con la bellezza e l’amore della sua arte.

di Paolo D’Aprile

Heitor Villa Lobos

Heitor Villa Lobos

Cap. 2

“Questo giovanotto comincia da dove finisco io.”

No so se questa frase sia vera o se invece fa parte delle tante leggende divulgate sul personaggio. Ma non importa, è bella lo stesso. È Giuseppe Verdi che lo dice al sentire, alla Scala di Milano, l’opera “Il Guarany”. Una tragica storia d’amore ambientata tra gli indios Guarany nella selva brasiliana, indios che cantano in italiano, sia chiaro. Poco male, pure Radames e Aida si scambiavano effusioni nella lingua di Dante! Tale fu l’ammirazione del vecchio maestro per il giovane autore: questo giovanotto continua da dove finisco io. Si rivolgeva a Carlos Gomes, il nostro primo grande musicista. Le sue opere godettero di immensa popolarità grazie alla moda di quegli anni, il melodramma. Ed erano costruite secondo i canoni vigenti della musica erudita di allora. Ecco l’overture della famosa opera:

È però solamente all’inizio del 900 che la Musica Brasileira erudita acquista la sua vera dignità, l’autonomia rispetto ai modelli europei. E non solo la musica ma tutte le forme di espressione artistica. Il 1922 è l’anno chiave e São Paulo è il luogo. Vi si svolge la Settimana di Arte Moderna, in cui artisti, poeti e musicisti presentano il loro vigore al paese attonito e completamente meravigliato dalle novità.

Viene lanciato il “Manifesto Antropofagico” in cui non solamente si ammetteva il cannibalismo culturale ma addirittura lo si incentivava: solo attraverso la deglutizione e l’assimilazione di ogni influenza, di ogni cultura, è possibile la nascita di una nuova forma espressiva, originalmente locale. Insomma, il Brasile prendeva coscienza di sé, del suo essere meticcio. Niente più viene imitato, ma creato. Le scuole europee, cubismo, futurismo, dodecafonia ecc, vengono assimilate digerite e ricreate attraverso la sensibilità locale, negra, indigena, bianca: Brasileira. Arte, letteratura e musica formano così un unicum espressivo indissolubile. Fino ad oggi. Basta pensare alla sfilata del Carnevale di Rio. O al nostro cinema. Oppure a un libro di Jorge Amado. L’arte del secolo è figlia di quella Settimana di Arte Moderna in cui giovani artisti dichiararono la loro indipendenza dai modelli europei. Tra essi Heitor Villa Lobos. Racconta Tom Jobim, che recatosi a casa del maestro per la lezione di armonia, lo trova concentratissimo a comporre. “Maestro, ma come fa a tenere la finestra aperta, con questo rumore… il tram che passa, le grida dei venditori al mercato…?”; “Vedi, caro Tom, quello che succede fuori non mi interessa. L’orecchio esterno, quello che senti attraverso il timpano, non ha niente a che fare con l’orecchio interno, la musica che viene da te”. La musica sorge indipendente, autonoma, tellurica. Possedeva inoltre quello che si dice “orecchio assoluto” ossia la capacità di definire una nota nella sua totale specificità.

Giovanissimo e autodidatta cominciò a viaggiare per il Brasile in cerca del suono primordiale. Scomparve per anni, percorse l’Amazzonia, le savane, i canion del sud. Scoprì i canti degli indios, il ritmo negro, le cantilene degli emigranti. Ascoltò il vento e gli uccelli, le cascate, le onde, il pianto e le risa degli uomini. Contemplò la vastità del paesaggio, le punture degli insetti, l’arsura e la pioggia. Tornò sapendo di avere dentro di sé non solo tutta la musica, ma tutto un continente. Tornò innamorato di Bach. Joan Sebastian Bach. Ebbe la coscienza che la musica aveva una sua fonte naturale e umana di cui Bach era la sintesi. E come lui cominciò a comporre ogni sorta di musica per ogni tipo di formazione: strumento solista, sinfonia, concerti, quartetti, corali…

Un’opera sterminata in cui ogni influenza è stata cannibalizzata, deglutita, digerita assimilata e ricreata:

Brasile e sempre Brasile, Bach e sempre Bach. Heitor Villa Lobos, compone per lui, per il maestro e per il suo paese, una serie emblematica dal suggestivo nome Bachianas Brasileiras, nate e subito consacrate.

Heitor Villa Lobos si diresse a Parigi, divenne amico dei più grandi che ne ammiravano l’originalità e la potenza espressiva. Tornò e diventò il simbolo dell’orgoglio nazionale. Servì il governo del dittatore Getulio Vargas come compositore ufficiale del regime, ma poco importa. La sua genialità era ormai riconosciuta da tutti e tutti gli chiedevano composizioni nuove, come questa, fatta su misura per Artur Rubinstein:

I bambini brasiliani fin da piccolissimi perché ne imparano a suonare al flauto le struggenti melodie: O Trenzinho Caipira, il trenino campagnolo, una scalcinata locomotiva che attraversa i nostri campi rallegrando tutti con il suo fischio un po’ stonato:

Dall’incontro viscerale, degli elementi culturali di un popolo, dalla sua terra, i colori, il ritmo, le melodie, nasce Heitor Villa Lobos e la sua musica totale. La grande tradizione di Bach si giustifica incontrandosi e fondendosi con l’anima popolare attraverso l’istinto e l’erudizione di un uomo universale, calato nella realtà del suo paese e nella vastità del mondo: non più il folclore come mera rappresentazione esotica condiscendente, benigna, un folclore usato dalle classi dominanti come “colore” per dare enfasi estetica alla benevolenza e alla pietà con cui si degnano di guardare al popolo. Villa Lobos invece interpreta il mistero, le leggende, la storia, le lacrime, l’allegria, la forza, le mani, l’anima di un paese, di un popolo: il suo, e lo presenta al mondo così com’è: languido e volitivo, allegro, barocco, semplice, ingenuo, originalissima amalgama sociale e culturale, la nuova Roma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...